17 dicembre

Sono diversi i nomi che oggi si possono annoverare nella casella del 17 dicembre sul martirologio. Uno solo (o forse due) è quello riportato nei calendari, ed è quello di San Giovanni di Matha.

Nacque a Falcone in Provenza nel 1160; educato con ogni cura, mostrò presto tali doti d'ingegno, di serietà ed un cuore così sensibile per le miserie altrui, da far presagire in lui il futuro angelo consolatore degli afflitti. Per volere dei genitori frequentò la scuola di Aix, poi mandato all'Accademia di Parigi, conseguì con esito brillante la laurea di dottore in teologia.

La sua pietà, non inferiore alla scienza, colpì talmente l'Arcivescovo di Parigi, che decise esortarlo a farsi sacerdote. Unico ostacolo era l'umiltà del giovane laureato, ma non fu difficile al Prelato sciogliere i dubbi e le obbiezioni che nascevano da un cuore bramoso unicamente di perfezione.

Da qui, una leggenda narra il futuro del giovane sacerdote.

Mentre celebrava la prima Messa, Dio con un prodigio volle mostrargli la missione che l'attendeva. Infatti, al momento dell'elevazione, innanzi al novello levita apparve un angelo bianco, vestito con una croce rosso-turchina sul petto. Teneva le braccia incrociate e le mani distese sul capo di due poveri schiavi, uno moro, l'altro bianco. Giovanni comprese che il Signore lo destinava alla redenzione degli schiavi.

L'impresa era ardua. Giovanni per poter seguire meglio la voce del Signore si ritirò presso un celebre monaco, Felice di Valois, che aveva abbandonato il fasto della corte e serviva Dio in un eremo.

In questa dimora vissero per tre anni nelle penitenze e nella preghiera, finché un giorno, mentre sedevano presso una fonte, videro avvicinarsi un cervo che portava fra le corna una croce rosso-turchina. Felice a quella vista rimase sorpreso, ma Giovanni lo rassicurò narrandogli la visione della sua prima Messa. Il degno amico vide in questo un tratto della divina bontà verso di lui e buttandosi in ginocchio si disse pronto a seguirlo nella grande e santa opera del riscatto di tanti infelici. Da quel giorno non pensarono ad altro che alla pratica attuazione di quell'eroico ideale.

Concertato fra loro un primo abbozzo, andarono. a Roma per riferire ogni cosa al Vicario di Gesù Cristo e ottenere la sua approvazione. Innocenzo III, che allora sedeva sul soglio pontificio, dopo molte preghiere approvò l'Ordine della SS. Trinità per la redenzione degli schiavi ed impose ai membri la divisa bianca con la croce rosso-turchina sul petto.

Stabilito così l'istituto, i due fondatori tornarono in Francia ed eressero il convento di Ceifroid, alla cui direzione rimase S. Felice, Questo monastero fu sempre tenuto come il centro dell'Ordine. S. Giovanni con alcuni discepoli riprese la via di Roma. Il Pontefice gli donò la chiesa e l'ospedale di S. Tommaso sul Celio. Munito di commendatizie, il Santo si recò in Spagna, nel Marocco e nell'Algeria. Ovunque compiva prodigi di zelo per sollevare e liberare gli infelici dalle mani degli infedeli.

Dopo molte peripezie. rivide Roma e i suoi confratelli, nelle cui braccia santamente finì i suoi giorni il 15 dicembre 1213.

Assieme al ricordo di San Giovanni di Matha, oggi si celebra anche quello di San Floriano, San Lazzaro, Sant'Olimpia, Santa Begga, Santa Wivine e i Santi Anania, Misaele e Azaria.

Oggi non andiamo molto indietro nella storia: ci fermiamo nel 1989.

Il 17 dicembre del 1989 la rete televisiva statunitense FOX trasmette in prima serata la prima puntata della serie animata “I Simpson”.

Inutile dire quanto questa serie abbia caratterizzato il piccolo schermo: ad oggi si contano oltre 670 puntate in 31 stagioni!

Create Account



Log In Your Account