17 novembre

Le ricorrenze odierne sono capeggiate da un nome altisonante della storia e della religione: santa Elisabetta d'Ungheria.

Santa Elisabetta è ricordata nel Terzo Ordine Francescano per aver compiuto numerosissime opere di carità. Fu principessa d'Ungheria, iangravia di Turingia a seguito del suo matrimonio con Ludovico IV, e parente di Federico Ruggero Costantino di Hohenstaufen, ovvero Federico II di Svevia.

Santa Elisabetta è ricordata come la protettrice dei panettieri.

Assieme a Santa Elisabetta, oggi ricordiamo Sant'Eugenio di Firenze, San Florin, San Giordano Ansalone, Sant’Aniano d’Orleans, Sant'Ilda ed i Santi Acisclo e Vittoria.

Di quanto mi piaccia la radio, è cosa ormai nota e certa; ed anche di quanto la radio abbia avuto un ruolo fondamentale nella mia passione per la musica. Io sono arrivato quando le radio erano in crescita, negli anni '70; ma andando ben bene a vedere fuori dalle mura della nostra isola, e volendo anche dall'Italia, troviamo grandissimi nomi di emittenti radiofoniche, che facevano a gara per annoverare i big della musica nei loro studi.

Uno dei big che ha fatto storia per una sua presenza in radio è Elton John. Nel 1970, tornato da poco negli Stati Uniti gli venne proposto di recarsi agli A & R Studios di New York per esibirsi in diretta radiofonica.

Mai proposta lo rese più felice: si presentò negli studi esclusivamente con Dee Murray al basso e Nigel Olsson alla batteria. Fu un’esibizione fantastica che mandò letteralmente in visibilio i fan, eseguendo canzoni dal suo recente repertorio e tributando alcuni dei suoi miti come Beatles, Elvis Presley e Rolling Stones dei quali eseguì alcuni brani in scaletta.

Secondo Dave Herman, il DJ che conduceva la trasmissione, Elton John si ferì ad una mano durante l’esibizione, ma... parafrasando i Queen, The show must go on: andò comunque avanti con lo show e terminò la trasmissione con la tastiera completamente ricoperta di sangue. Una potenza dal vivo che pochi all'epoca riuscivano ad emulare, tanto che l’esibizione venne pubblicata in un Long Playing, immettendo sul mercato il primo disco registrato dal vivo nella storia (nonostante alcune BBC session di illustri colleghi pubblicate decenni dopo).

Per questo disco fu scelto il titolo “17-11-70“, il giorno in cui Elton John registrò questo piccolo capolavoro, considerato universalmente uno dei suoi dischi più belli.

Create Account



Log In Your Account