22 gennaio

Il primo santo che ricordiamo oggi è San Gaudenzio.

Nato a Ivrea nel 327 in una famiglia ancora pagana, Gaudenzio si è convertito al cristianesimo a Vercelli, da Eusebio, primo vescovo in tutto il Piemonte.

Secondo alcuni, proprio a Vercelli, Gaudenzio diventa prete. Eusebio ne ha una tale stima da mandarlo presto a Novara, per aiutare il sacerdote Lorenzo, che da solo annuncia il Vangelo in un territorio ancora pagano. Lo scontro tra fede cristiana e antichi culti è poi complicato anche in Italia dall'aspro dissidio tra i fedeli alla dottrina del Concilio di Nicea e i seguaci di Ario.

All'interno di questa disputa Eusebio è mandato in esilio dove è raggiunto da Gaudenzio, che però dall'Egitto tornerà presto in Italia, rimandato a Novara dallo stesso Eusebio. Ad aiutarlo ora c'è un nuovo amico: Ambrogio, vescovo di Milano. Il successore di Ambrogio, Simpliciano, lo consacra vescovo di Novara nel 398.

Lo sarà per vent'anni, vivendo insieme a una comunità di sacerdoti dove venivano accolti gli aspiranti alla consacrazione sacerdotale. Nella stessa città morirà il 22 gennaio del 418.

Oltre a San Gaudenzio, oggi ricordiamo San Vincenzo di Saragozza, San Vincenzo Pallotti, Sant'Anastasio, Sant’Anastasio di Asti, Sant'Antioco Sabaita e Sant'Olcese.

Per mano dello stenografo e avvocato Edward Easton, assieme ad un gruppo di investitori, nasce oggi 22 gennaio 1887 a Washington la casa discografica Columbia Phonograph Company.

Prende il nome dal District of Columbia in cui ha sede,ed all'inizio ha il monopolio del fonogrado di Edison.

Create Account



Log In Your Account